ESCURSIONI NATURALISTICHE

ESCURSIONI NATURALISTICHE

 

ITINERARI NEL PARCO DELL’ETNA ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE SUD DEL PARCO DELL’ETNA

LA NATURA ETNEA

Nicolosi – “Sentiero natura” di”Monte Nero degli Zappini”

E’ uno dei”sentieri natura” più rappresentativi del Parco dell’Etna, in quanto riesce a riassumere in un piacevole e facile itinerario, gli aspetti vulcanologici e vegetazionali più tipici e caratteristici. Il sentiero è localizzato nel versante sud dell’Etna a pochi chilometri dai crateri sommatali. Si parte dal pianoro di M.te Vetore e attraverso campi lavici antichi e recenti, grotte di scorrimento lavico, pini di eccezionale imponenza si raggiunge il Giardino botanico Nuova Gussonea, fra i più estesi ed importanti che si conoscano. Il sentiero è composto da 11 punti di Osservazione ben segnalati dai”pilieri” di pietra lavica che ne descrivono anche le specifiche caratteristiche:”la sciara dello Zappino”, le colate, il conetto, il cannone, l’ovile, i faggi, il sentiero dei pastori, la radura delle ginestre, il bosco, il Giardino botanico Nuova Gussonea, le roverelle e le cave. Al ritorno piacevole sosta enogastronomica.
Caratteristiche:
Escursione facile; lunghezza del percorso circa 4,5 km; tempo di percorrenza h 2,30; quota di partenza 1740 m slm; dislivello 200 mt

 

UN MAESTOSO ANFITEATRO NATURALE: LA VALLE DEL BOVE

Nicolosi – Piano del Vescovo – Serra del Salifizio – Valle del Bove

Quando si parla di Valle del Bove, ci si riferisce a quell’immenso scenario che rappresenta la storia vulcanologica dell’Etna . Un suggestivo sentiero, attraverso una faggeta, risale ripidamente fino all’orlo di questo anfiteatro naturale, dove regna il silenzio e si ammira un panorama mozzafiato. Al ritorno, sosta enogastronomica a Nicolosi o Zafferana.
Grado di difficoltà: medio – impegnativo per la ripida salita dell’andata.

DISCOVERING THE SOUTH SIDE OF THE ETNA PARK

ETNA NATURE

Nicolosi -  Nature footpath of Monte Nero degli Zappini

A nature footpath considered the most representative of Mount Etna Park, because it summarizes typical vulcanologic and vegetational aspects. In the way back, a tasteful food and wine refreshments.

Difficulty: easy.

A BIG NATURAL AMPHITHEATRE: THE VALLE DEL BOVE

Nicolosi – Piano del Vescovo – Serra del Salifizio – Valle del Bove

When we speak about “Valle del Bove”, we indicate a large scenery that shows the vulcanologic history of Etna. A suggestive footpath goes up until to the border of this natural amphitheatre, where the silence reigns and we can see a splendid landscape. In the way back, stop in the town of Nicolosi or Zafferana Etnea.

Difficulty: medium – hard

ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE ORIENTALE DEL PARCO DELL’ETNA

AMMIRANDO”I GRANDI PATRIARCHI” DELLA FLORA DELL’ETNA

Caselle – Ilice di Carrinu – Sant’Alfio – Castagno dei cento Cavalli -”A Trofa du Camperi”

.Escursione molto interessante dal punto di vista naturalistico, con visita ai tre”patriarchi” della flora Etnea:”l’Ilice di Carrinu”, un gigantesco ed antico Leccio, il”Castagno dei Cento cavalli”, il più grande e antico Castagno del mondo e”A trofa du Camperi”, un bellissimo esemplare di Faggio. Visita ai paesini di Milo e Sant’Alfio con possibilità di degustazioni presso tipiche cantine vinicole e tipiche pasticcerie. Grado di difficoltà: facile
LE BETULLE, I VULCANI ED I TORRENTI SUL BASALTO

Sant’Alfio – Sentiero natura” Monti Sartorius” – Torrente”Quarantaore”

Una piacevole passeggiata che dai boschi orientali di “Betulla aetnensis”, che si estendono sotto caratteristici conetti vulcanici, si risale attraverso maestosi boschi di Pino laricio fino a Monte Baracca per ammirare uno dei rari e caratteristici esempi di torrente dell’Etna. Stupendo lo scenario in cima ai monti Sartorius per i bellissimi panorami del versante orientale dell’Etna. Al ritorno golosa sosta e visita alle pasticcerie del paese di Sant’Alfio. Grado di difficoltà: medio

DISCOVERING THE EASTHERN SIDE OF THE ETNA PARK

THE BIG PATRIARCHS OF THE ETNA PARK

Caselle – Carrinu  holm oak – Sant’Alfio – The One Hundred Horses chestnut-tree – A Trofa du Camperi

Very interesting excursion for a naturalistic point of view with the visit of three patriarchs of Etna flora: the “Carrinu holm oak”, the “One Hundred Horses chestnut-tree”, the biggest and oldest European chestnut-tree in the world and the “Trofa du Camperi”, a marvellous beech tree. A visit to the towns of Milo and Sant’Alfio with the possibility of food and wine tasting.

Difficulty: easy.

THE BIRCH -TREES,  THE VULCANOS AND THE TORRENTS ON THE BASALT

Sant’Alfio – Nature footpath of Monti Sartorius – Torrent Quarantaore

A trekking that from the eastern Etna birch wood climbs trough big black Pine tree until Monte Baracca to admire an unusual example of Etna stream. A wonderful scenery on the top of crater of Monti Sartorius for the landscape of Etna eastern side. In the way back, greedy stop to Sant’Alfio town.

Difficulty: medium.

ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE NORD – EST DEL PARCO DELL’ETNA

ATTRAVERSO FESSURE ERUTTIVE, GROTTE LAVICHE, FITTISSIME FAGGETE…..E PANORAMI MOZZAFIATO.

Linguaglossa – Piano Provenzana – Fessura eruttiva del 2002 – - Fessura eruttiva del 1923 – Rifugio di Monte Timpa Rossa – Grotta dei Lamponi – Rifugio Brunek.

Un bellissimo circuito nel cuore del Parco dell’Etna, per scoprire le più belle forme originate dall’attività vulcanica dell’Etna. Vastissimi e lunari campi di lava, maestose fessure eruttive, la galleria di scorrimento lavico della Grotta dei Lamponi e freschi e verdeggianti boschi di faggio. Il tutto sempre circondato da suggestivi panorami. Diverse soste nei differenti Rifugi che si incontrano. Grado di difficoltà: impegnativo per la lunghezza del percorso

DISCOVERY THE NORTH-EASTERN SIDE OF THE ETNA PARK

TROUGH ERUPTIVE FISSURES, LAVA’S CAVES, WOODS AND LANDSCAPES.

Linguaglossa – Piano Provenzana – Eruptive fissure of 2002 – Eruptive fissure of 1923 – Monte Timpa Rossa Refuge -  Raspberry Cave – Brunek Refuge.

A very interesting excursion in the heart of the Etna Park to discover the finest basalt lava morphology. Lava fields like lunar landscapes, large eruptive fissures, lava caves and green woods. There are some Refuges where we’ll stop.

Difficulty: hard for the length of the excursion.

ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE NORD DEL PARCO DELL’ETNA L’ANTICA STRADA DEI PASTORI

Randazzo – Contrada Pirao – la Cisternazza – Monte Santa Maria – Grotta dei Lamponi

Un antico tracciato utilizzato dai pastori per portare i propri greggi negli alti pascoli della”Montagna” nei mesi estivi. Si ammirerà la Cisternazza, uno dei più caratteristici esempi di architettura rurale dell’Etna, utilizzata nelle transumanze come unica fonte di acqua, per arrivare alla bellissima faggeta di Monte Santa Maria e raggiungere così il tunnel di scorrimento lavico della Grotta dei Lamponi. Al ritorno sosta nel centro storico medievale di Randazzo
Grado di difficoltà: medio

DISCOVERING THE NORTHERN SIDE OF THE ETNA PARK

THE ANCIENT ROAD OF THE  SHEPHERDS

Randazzo – Contrada Pirao – Cisternazza – Monte Santa Maria – Raspberry Cave

An ancient footpath that the shepherds went through during summertime to reach the Etna highest pastures. We can see the Cisternazza, an example of Etna rural architecture used like water fountain. Then we’ll reach Monte Santa Maria wood and the Raspberry Cave, a lava tunnel. In the way back, a stop in the medieval centre of Randazzo.

Difficulty: medium.

ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE OVEST DEL PARCO DELL’ETNA I BOSCHI E I PAESAGGI LUNARI DEL VERSANTE OCCIDENTALE

Nicolosi – Monte Intraleo – Monte Gallo – Monti Nespole – Monti De Fiore – Monte Capre – Rifugio di Monte Palestra – Rifugio della Galvarina – Monte Albano – Monte Gallo.

Interessante circuito che interessa gran parte delle peculiarità naturalistiche del versante occidentale dell’Etna . Attraverso campi di lava, conetti vulcanici, boschi a Pino laricio, si raggiungeranno, dapprima il Rifugio di Monte Palestra a quota 2000 m, poi quello della Galvarina, per riscendere agevolmente sotto una folta pineta, fino al punto di partenza
Grado di difficoltà: Medio – impegnativo per la lunghezza del percorso

DISCOVERING THE WESTERN SIDE OF THE ETNA PARK

THE WOODS AND THE LUNAR LANDSCAPES OF ETNA WESTERN SIDE

Nicolosi – Monte Intraleo – Monte Gallo – Monti Nespole – Monti De Fiore Monte Capre – Monte Palestra Refuge -  Galvarina Refuge – Monte Albano

Monte Gallo.

An excursion including the most important nature aspects of Etna western side. We’ll reach Monte Palestra Refuge (2000 mt.) and Galvarina Refuge through lava fields, vulcanic scenery and woods.

Difficulty: hard for the length of the excursion.

ALLA SCOPERTA DEL LITORALE VULCANICO: LA RIVIERA DEI LIMONI DALLA TIMPA AI FARAGLIONI TRA NATURA, MITO E LEGGENDA

Giarre – Santa Tecla – Santa Maria la Scala – la Timpa di Acireale – Capo Mulini – Acitrezza – Acicastello.

Un bellissimo itinerario lungo il litorale etneo, attraversando e visitando borghi marinari resi famosi dalle leggende mitologiche e dalla narrativa di famosi scrittori, ammirando il suggestivo scenario della”Timpa”, un alto costone di roccia lavica lungo chilometri e generato da movimenti tettonici. Ovviamente il mare sarà gustato in rinfrescanti bagni come saranno gustati altri prodotti tipici della zona.

ALLA SCOPERTA DEI FIUMI DELL’ETNA DALLE FORRE LAVICHE DEL SIMETO ALLE GOLE BASALTICHE DELL’ALCANTARA

Paternò – Adrano – Fiume Simeto – Randazzo – Francavilla di Sicilia – Fiume Alcantara

Interessante itinerario che permette di conoscere le caratteristiche geologiche e paesaggistiche dei due principali fiumi che attorniano l’Etna : il Simeto e l’Alcanatara. Saranno previste diverse soste per conoscere ed ammirare le più importanti emergenze geologiche dei due corsi d’acqua come”le Forre laviche del Simeto”,”Le Salinelle di Paternò” e, per ultimo le”Gole dll’Alcantara”, con passeggiate all’interno dei Canyons e attraverso le floride campagne che li contornano.
Grado di difficoltà: facile

TRA I BOSCHI E I LAGHETTI DEL PARCO DEI NEBRODI

Floresta – Lago di Trearie

Un buon approccio per conoscere la natura dei Monti Nebrodi costellata da splendidi boschi, laghi e le caratteristiche rurali del paese di Floresta
Difficoltà: facile

Galati Mamertino – cascate del Catafurco

Piacevole passeggiata attraverso borghi rurali per raggiungere le gole del fiume San Basilio con le cascate del Catafurco e il fresco laghetto sottostante
Difficoltà: facile

Cesarò – Lago Maulazzo – Biviere di Cesarò

Sentiero ben accessibile che attraversa le fitte faggete dei Nebrodi e giunge presso il Lago Maulazzo e il Biviere di Cesarò, importantissimi laghetti per la sosta di moltissimi uccelli migratori.
Difficoltà: facile

Alcara li Fusi – Rocche del Crasto

Itinerario che associa natura e tradizione con la visita alle”Rocche del Crasto” le cosiddette”Dolomiti Siciliane”, alti pinnacoli di calcare bianco, regno dell’Aquila reale e del Grifone. Pomeriggio visita al caratteristico paese di Alcara li Fusi, importantissimo centro dell’artigianato dei Nebrodi.
Difficoltà: media

Randazzo – Fiume Flascio – Masseria di Monte Colla

Scalata di uno dei monti più alti dei Nebrodi attraverso splendidi boschi e panorami mozzafiato, per raggiungere la Masseria di Monte Colla, un esempio di architettura rurale, ed il suo laghetto artificiale a picco sulla Valle dell’Alcantara e con l’immensa cornice panoramica dell’Etna.
Difficoltà: media – impegnativa

Randazzo – Rifugio di Santa Maria del Bosco – Alta Valle dell’Alcantara.

Risalita dell’Alta Valle del Fiume Alcantara attraverso boschi e panorami dei Monti Nebrodi con sosta al rifugio di Santa Maria del Bosco, caratteristico bivacco della Forestale.
Difficoltà: facile

NEL CUORE DEGLI APPENNINI SICILIANI: I MONTI PELORITANI

Montalbano Elicona – Rocche dell’Argimusco

Interessante escursione che dapprima ci farà visitare le Rocche dell’Argimusco, particolari rocce statuarie dalle differenti forme, prodotte dall’erosione del tempo, circondate da un suggestivo panorama dell’Etna e delle Isole Eolie, per poi andare a scoprire le peculiarità medievali del borgo di Montalbano Elicona.
Difficoltà: facile

Portella Mandrazzi – Rocca di Novara

Una piacevole scalata verso la Rocca di Novara, una guglia calcarea che sovrasta il paesino di Novara di Sicilia, per ammirare dei panorami mozzafiato sulla costa tirrenica, sulle isole Eolie e sui Monti Peloritani.
Difficoltà: media

Roccella Valdemone – Bosco di Malabotta

Bellissima escursione che risale attraverso la fitta vegetazione del torrente Licopedi per raggiungere la secolare faggeta di Malabotta. In cima, strepitosi panorami sull’Etna, sui Nebrodi e Peloritani.
Difficoltà: media

Fiumedinisi – Monte Scuderi
Una ripida attraversata di fitti boschi ed assolate radure per raggiungere le vette dei Monti Peloritani ed infine la cima di monte Scuderi dove si ammira il più bel panorama degli”Appennini siciliani”
Difficoltà: media – impegnativa

LE BELLISSIME RISERVE NATURALI DEI MONTI IBLEI

Sortino – Riserva Naturale Valle dell’Anapo – Pantalica

Antico tracciato della ferrovia, lungo la valle carsica del Fiume Anapo, oggi riserva naturale; oltre la macchia mediterranea, si possono ammirare pittoreschi laghetti ed il corso del fiume lungo sponde ricoperte da una florida vegetazione ripale con piante di alto fusto come platani, salici e pioppi. Di grande suggestione la visita alle costruzioni trogloditiche e ai “loculi” cimiteriali delle necropoli scavati nella roccia calcarea di età preellenica e bizantina.
Difficoltà: media

Noto – Riserva Naturale di Vendicari

Visita alla riserva naturale di Vendicari, vicinissima alla”città del Barocco Siciliano” dove si possono ammirare i caratteristici pantani omonimi, considerati tra le zone umide più importanti d’Italia. Si tratta di pantani costieri a stretto contatto con una incontaminata spiaggia, meta fondamentale durante le migrazioni stagionali di centinaia di specie di uccelli. Di notevole importanza storica-archeologica, la presenza di un’antica tonnara, di una torre svevo – aragonese e della cittadella dei Maccari di origine bizantina.
Difficoltà: facile

Avola Antica – Riserva Naturale Cava Grande del Cassibile

E’ considerata tra le aree più selvagge della Sicilia. Si tratta della risalita del fiume Cassibile, incassato dentro una profonda gola calcarea, intervallato da bellissimi laghetti di acqua limpida, il tutto immerso in una fitta vegetazione a”macchia mediterranea”.
Difficoltà: media con salita ripida al ritorno

Rosolini – Cava Prainito

Un’altra riserva naturale al confine tra le provincie di Siracusa e Ragusa, dove si ricalcano le peculiarità delle cave iblee con una fitta vegetazione fluviale e a macchia mediterranea, ruscelli e laghetti con limpide acque ed antiche testimonianze archeologiche di insediamenti rupestri.
Difficoltà: facile

Marina di Ragusa – Riserva Naturale Foce del Fiume Irminio.

La foce del Fiume Irminio rappresenta uno degli ultimi esempi di vegetazione”Macchia foresta” sopravvissute nelle coste siciliane. Il percorso, all’interno di una riserva ben gestita, si snoda lungo le sponde del fiume arrivando al complesso di dune costiere dove oltre alla caratteristica ed intatta vegetazione, si possono ammirare diverse specie di uccelli.
Difficoltà: facile

LE VERDI COLLINE DELLA PROVINCIA DI ENNA

Regalbuto – Lago di Pozzillo

Il Lago di Pozzillo è un vasto invaso artificiale in cui nel corso degli anni si sono ristabiliti delle condizioni naturali. Il percorso che fiancheggia un lato della sponda del lago, si snoda sotto un fitto bosco impiantato dalla Forestale ed offre la possibilità in diversi punti di osservazione di ammirare diverse specie di uccelli migratori e stanziali.
Difficoltà: facile

Sperlinga – Bosco di Sperlinga

Piacevole itinerario che risale la rupe nella quale è impiantato un curato bosco di Roverelle, con lo splendido scenario della provincia ennese e della rocca in cui è incastonata il pittoresco paese di Sperlinga con il suo castello medioevale. Oltre al panorama, è possibile osservare le acrobazie alate di alcuni rapaci come lo sparviero.
Difficoltà: facile

Nicosia (Mistretta) – Laghi di Monte Campanito – Monte Sanbughetti.

Piacevole passeggiata attraverso paesaggi simili ai pascoli alpini, per raggiungere dapprima i laghetti del Campanito, splendide pozze d’acqua sotto folti boschi dove ancora nidifica la tartaruga palustre, e poi la vetta del Monte Sanbughetti per apprezzare uno splendido panorama.
Difficoltà: media – impegnativa

NOTE ESPLICATIVE SULLE ESCURSIONI

1) Le proposte sono tutte rivolte a gruppi di massimo 14 persone, questo per creare buone condizioni di compatibilità nelle visite dentro Riserve o Parchi naturali e per le condizioni di alloggio in strutture alternative.
2) Le escursioni possono essere giornaliere o abbinabili in tour personalizzati di più giorni;
3) La durata delle escursioni giornaliere è da concordare preventivamente in funzione della distanza dalla struttura ospitante o di altre esigenze;
4)Gli orari di partenza delle escursioni saranno concordate preventivamente;
5) Nel trasporto è incluso anche il trasferimento dall’Aeroporto o dalla Stazione ferroviaria alla struttura alberghiera e viceversa
6) I partecipanti debbono possedere sana e robusta costituzione fisica, data la difficoltà di alcune escursioni, soprattutto quelle in alta montagna.
7) E’ prevista un’assicurazione per i partecipanti durante le escursioni trekking;
8) In tutti i tipi di escursione si consiglia un equipaggiamento composto di zaino leggero e comodo, scarponi da trekking, possibilmente comodi e robusti, giacca a vento ed un indumento pesante, data la veloce variabilità delle condizioni meteorologiche soprattutto in alta montagna, una capiente borraccia e facoltativamente di attrezzatura fotografica.

Natour è una realtà del settore turistico, costituita nell’intento di fornire servizi al”Turismo naturalistico ed alternativo”.
Natour si rivolge agli operatori turistici ed agli appassionati che vogliono promuovere e scoprire una Sicilia sconosciuta e inusuale agli itinerari turistici solitamente proposti: la Sicilia degli ambienti naturali incontaminati, i luoghi e la vita del mare e delle campagne, dei monti e delle colline, dei sapori e delle antiche tradizioni variegate e sconosciute, un patrimonio culturale unico nel bacino del Mediterraneo e ancora tutto da scoprire.

Natour, al turista e agli operatori turistici sensibili alla conoscenza di una Sicilia diversa dagli itinerari convenzionali, offre: Escursioni naturalistiche giornaliere o in tour di più giorni con servizio di pick-up incluso negli ambienti naturali siciliani, con Guide Naturalistiche GAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche), in lingua Inglese/Francese, specializzate nell’interpretazione della geologia, della flora, della fauna e della formazione del paesaggio attraversato; Escursioni rurali
Natour offre la possibilità di fare conoscere da vicino la vita delle campagne siciliane, intrisa di storia, tradizioni e sapori, con accompagnatori e guide specializzate: Visite guidate in aziende agricole con illustrazione delle colture tipiche e delle tecniche colturali impiegate Visite enogastronomiche con degustazioni presso Aziende agricole o laboratori artigianali (vino, olio, miele, formaggi, conserve, liquori, dolci, etc.)


ROUTES IN THE PARK OF THE ETNA TO DISCOVER THE DEPOSITOR SOUTH OF VOLCANO

The Nature of Etna

Nicolosi – Nature path of “Monte Nero degli Zappini”
It is one of the more emblematic Nature Paths of the Park of the Etna, in how much succeeds to reassume in an pleasant and easy route, the more typical and characteristic aspects of the Volcano and his flora.
The path is localized in the depositor south of the Etna a few kilometers far from top craters.The start is in Mt. Vetore and, trough ancient and recent lavic fields and pines of huge size, the path reaches the Botanical Garden “Nuova Gussonea” one of the most extensive and important known.
The path is composed of 11 Observation Points that signals you from “pilieri” of lavic stone that also describe the detailed lists of the environment characteristics.
Degree of difficulty: EASY

————————————————————————————————————————

A Majestic Natural Amphiteather: The “Valle del Bove”

When it is spoken about Valle of the Bove, one refers to that immense scene that represents the volcanologic history of the Etna. An evocative path rises steeply until the hem of this natural amphitheater, where hush reigns and the panorama is incredible. To the return, Eine and food in Nicolosi or Zafferana.
Degree of difficulty: MEDIUM – HARD for the steep climb.

————————————————————————————————————————

 

 

 
ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE ORIENTALE DEL PARCO DELL’ETNA
Caselle – Ilice di Carrinu – Sant’Alfio – Castagno dei cento Cavalli -”A Trofa du Camperi”

Interesting excursion from the naturalistic point of view, with visit to the three”patriarchs” of the flora Etnea:The “Ilice di Carrinu”, a gigantic and ancient Leccio, The “Castagno dei Cento Cavalli”, the greatest and most ancient Chestnut tree of the world and “A trofa du Camperi”, a wonderful copy of Faggio. Visit to the small villages of “Milo” and “Sant’ Alfio” with possibility of tasting typical wine and visit typical pastry shops.
Degree of difficulty: EASY
————————————————————————————————————————

LE BETULLE, I VULCANI ED I TORRENTI SUL BASALTO
“The BIRCHES, the VOLCANOS AND the TORRENTS On the BASALT”
Sant’Alfio – Sentiero natura” Monti Sartorius” – Torrente”Quarantaore”

A pleasant walk that from ehe eastern forests of “Birch aetnensis”, that extend under the characteristic “conetti vulcanici”, rise up through majestic forests of laricio Pine until Monte Baracca in order to admire one of the rare and characteristic examples of torrent of the Etna. Wonderful the scene in top to the Sartorius mounts for the beautifulst panoramas of the East depositor of the Etna.
To the return greedy pause and visit to the pastry shops of the country of “Sant’ Alfio”.
Degree of difficulty: MEDIUM difficulty
ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE NORD – EST DEL PARCO DELL’ETNA
“TO THE DISCOVERY OF THE NORTH DEPOSITOR OF THE PARK OF THE ETNA”
Linguaglossa – Piano Provenzana – Fessura eruttiva del 2002 – - Fessura eruttiva del 1923 – Rifugio di Monte Timpa Rossa – Grotta dei Lamponi – Rifugio Brunek.
A wonderful circuit in the heart of the Park of the Etna, in order to discover the most beautiful shapes originated by the volcanic activity of the Etna. Huge and lunar fields of lavic stone, majestic eruptive fissures, the gallery of lavic sliding of “Grotta dei Lamponi” and fresh and green faggio forests. All always encircled by evocative panoramas.
Various pauses in the different Shelters that are met.
Degree of difficulty: DIFFICULT (for the length of the distance)
————————————————————————————————————————
ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE NORD DEL PARCO DELL’ETNA
“TO THE DISCOVERY OF THE NORTH DEPOSITOR OF THE PARK OF THE ETNA”.
The ANCIENT ROAD Of the SHEPHERDS.
Randazzo – Contrada Pirao – la Cisternazza – Monte Santa Maria – Grotta dei Lamponi
An ancient tracing used by the shepherds in order to carry the own crudes oil in the high pastures of the “Mountain” in the summer months. It will be possible to admire the “Cisternazza” (one of the most characteristic examples of rural architecture of the Etna, used like unique source of water) in order to arrive to beautiful faggio Forest of Monte Santa Maria to catch up therefore the tunnel of lavic sliding of the “Grotta dei Lamponi”.To the return pause in the medieval historical center of Randazzo.Degree of difficulty: MEDIUM Difficulty
————————————————————————————————————————
ALLA SCOPERTA DEL VERSANTE NORD DEL PARCO DELL’ETNA
“TO THE DISCOVERY OF THE NORTH DEPOSITOR OF THE PARK OF THE ETNA”.
The FORESTS And The LUNAR LANDSCAPES Of The WESTERN DEPOSITOR.
Nicolosi – Monte Intraleo – Monte Gallo – Monti Nespole – Monti De Fiore – Monte Capre – Rifugio di Monte Palestra – Rifugio della Galvarina – Monte Albano – Monte Gallo.
Interesting circuit that interests great part of the naturalistic peculiarities of the western depositor of the Etna. Through fields of lavic stones, volcanic cons, forests of laricio Pine, will be caught up, at first the Mount Shelter Arena to quote 2000 meters, then that one of the Galvarina, for descend easily under the Pine forest, until the departure point.
Degree of difficulty: DIFFICULT for the length of the distance

————————————————————————————————————————
Visite Guidate – Guided visits
ETNA (Monday)
Departure from Taormina by bus and passing by the south depositor of one of the most active volcanoes of Europe, to catch up the Shelter “Rifugio Sapienza”at 1910 meters of altitude from where can be climbed the extinguished craters of the Silvestri mounts, also without guide, to visit the alpine garden of the “Nuova Gussonea” or to relax enjoying a wonderful panorama and having use of the ristorant bar and the souvenir shop next to it. Possibility of excursions (optional) with alpine guides in order to reach approximately 2500 meters of altitude by cableway and then with Jeep until “Torre del Filosofo” at quote 2950. Tour with guide trough the central craters until the panorama of “Valle del Bove”.
Go to Gallery

 

 

best wordpress themes - wordpress themes 2012 - wordpress travel themes